De.Co. "I nostri prodotti gastronomici di eccellenza"

Ultima modifica 28 febbraio 2022
  • Lasagne di Zucca di Castelletto Monferrato

Ingredienti (per 10 persone)

  • Pasta per lasagne fresca 500 gr.

  • Zucca pulita 1 kg.

  • Latte intero 1 lt.

  • Farina tipo “00” 100 gr.

  • Burro 100 gr.

  • Gorgonzola dolce 400 gr.

  • Parmigiano Reggiano grattugiato 500 gr.

  • Sale q.b.

  • Pepe bianco q.b.

  • Noce moscata un cucchiaio raso

  • Rosmarino 2 rametti

Procedimento:

Portare a bollore una pentola d’ acqua salata, nel frattempo pelare e pulire la zucca (la zucca intera è di circa 2.5 kg, pulita è circa 1.5 kg); quando l’acqua ha preso il bollore mettere la zucca nell’acqua e farla cuocere per 5/8 minuti fino a quando non sarà morbida, quindi scolarla e metterla da parte, in un recipiente, fino a quando non si sarà raffreddata. Per la besciamella mettere in una pentola 100 gr di burro e farlo sciogliere, aggiungere la farina e mescolare energicamente per non formare grumi, aggiungere il latte precedentemente riscaldato, sale, pepe e noce moscata. Mescolare spesso fino a quando non si ottiene un composto cremoso. Prendere la zucca cotta ormai raffreddata e frullarla dentro un mixer; quando tutta la zucca sarà frullata unirla alla besciamella insieme al gorgonzola dolce tagliato a tocchetti. Quindi tritare i due rametti di rosmarino e aggiungerli all’interno del composto. Aggiustare di sale e pepe. Quando abbiamo pronto il composto di zucca, besciamella, gorgonzola e rosmarino siamo pronti per comporre gli strati; per ogni stato aggiungere una manciata di parmigiano grattugiato. Per renderla più cremosa e morbida aggiungere ad ogni strato dei tocchetti di gorgonzola dolce. Cuociamo la lasagna in forno per 20 minuti a 180 c° coperta con carta stagnola e 10 minuti a 180 c° scoperta per rendere la crosta croccante. Servire calda.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • BISCOTTI "CRUMIRI" DI GIARDINETTO

I crumiri con la “c” erano un biscotto presente in tutte le famiglie di Giardinetto fin dagli inizi del ‘900. Si tratta di un biscotto della tradizione che veniva preparato dalle donne della frazione, costituito da ingredienti semplici e facilmente reperibili in campagna come le uova di gallina ruspanti, la farina macinata nel mulino locale di “Pipinin” rimasto in funzione fino agli anni ‘70, il burro casalingo autoprodotto, zucchero, lievito e scorza di limone. Le donne del tempo impastavano a casa gli ingredienti quindi mettevano il tutto in un panno di stoffa a quadri bianco e blu chiamato “tualeta” che veniva utilizzato per trasportare l’impasto nei 2 forni a legna presenti a Giardinetto, riscaldati con le fascine. In essi si preparava anche il pane che veniva lasciato lievitare su assi di legno e cotto al mattino presto, per questo motivo i crumiri si portavano a cuocere nel pomeriggio. I due forni sono rimasti attivi fino ad alcuni decenni fa, quando poi i proprietari hanno cessato definitivamente l’attività. L’impasto dei crumiri si faceva a mano, una volta pronto, si formavano dei piccoli bastoncini che si passavano nello zucchero e si distribuivano in grosse teglie per poi essere infornati. Una volta cotti, i crumiri si mangiavano per la prima colazione inzuppati nel caffelatte, oppure come fine pasto, alcuni usavano anche intingerli nel vino. Da questa tradizione si è deciso di riprendere l’antica ricetta e riproporla oggi, nel nuovo laboratorio artigianale “Il Giardinetto dei sapori”, aperto nel 2017, mantenendo il più possibile la preparazione di questo biscotto fedele all’originale. L’impasto è composto da farina di frumento, uova fresche, burro, zucchero, lievito e scorza di limone, sono lavorati a mano uno ad uno senza badare troppo alla loro forma in quanto si tratta di un biscotto rustico e casalingo, vengono spolverati di zucchero e si infornano finchè non prendono un bel colore dorato. Il crumiro così ottenuto, è un biscotto secco simile ad un frollino, piuttosto croccante e dalla forma allungata che si adatta ad essere inzuppato ma è ideale anche per essere accompagnato ad una salsa come lo zabaione o una cioccolata calda. Si conserva bene a lungo in una biscottiera o chiuso dentro una scatola di latta o chiuso in un sacchetto per alimenti.

I Crumiri di Giardinetto
Allegato formato pdf
Scarica
Lasagne di Zucca di Castelletto Monferrato
Allegato formato pdf
Scarica